Chi sono

Mi chiamo Patrizia Somma e sono nata a Napoli nel 1968. Mi sono laureata in Psicologia con votazione 110/110 presso L’Università degli Studi di Napoli Suor Orsola Benincasa discutendo una tesi sui Processi Cognitivi che impattano i ragionamenti e le decisioni, dal titolo “Penso quindi Ragiono: il ruolo della distanza psicologica nella simulazione mentale”.

Ho conseguito un Master in Psicodiagnostica Clinica e Forense per la valutazione del danno psicologico ed esistenziale nell’ambito della psicopatologia da Mobbing e del disadattamento lavorativo.

Svolgo la professione di Psicologa Clinica e del Lavoro nel territorio Campano e sono Psicologa volontaria, presso il Centro di riferimento Campano di Psicopatologie del lavoro Asl Napoli1. Sono iscritta all’Albo degli Psicologi della Regione Campania n. 7494.

I miei studi di aggiornamento e ricerca sono rivolti principalmente alla Psicoterapia Cognitiva Comportamentale Causale e alle Neuroscienze Affettive.

“Quando capitate su qualcosa di interessante, lasciate tutto il resto e studiatelo”. Burrhus Skinner

La mia storia

La mia storia professionale ha conosciuto periodizzazioni differenti nelle quali ho potuto esprimere il mio talento e creatività in sintonia con il percorso evolutivo personologico.

Ho trascorso più di venti anni nel mondo delle organizzazioni, ricoprendo prevalentemente ruoli manageriali, cosicchè, logiche di posizionamento dell’organizzazione nel mercato di riferimento, i suoi valori, la sua cultura, i processi di management e di pianificazione strategico-operativo, sono stati il mio pane quotidiano.

Nel corso del tempo, ho esperito direttamente ed indirettamente, condizioni di conflitto , di antagonismo, di opposizione tra elementi di varia natura, cognitivi, emotivi, comportamentali e sociali, richiedenti uno sforzo attivo di adattamento e riconfigurazione.

Tali condizioni, soventemente, sono gli antecedenti di modalità distorsive e maladattive che causano il disfunzionamento aziendale in termini di profitto e malessere psicofisico.

Comprendere il ruolo dei fattori genetici, biologici e fisiologici nell’eziologia delle caratteristiche che un individuo possiede e quali dimensioni psicologiche rivestono un ruolo chiave nell’evoluzione della struttura psichica dell’uomo, sono divenuti i miei interessi prioritari.

Siffatte esperienze e competenze, hanno generato una elevata complessità professionale, consentendomi maggiormente di “Comprendere Empaticamente” le difficoltà e sofferenze di singoli e gruppi, che unitamente all’applicazione di Teorie Scientifiche di matrice Cognitivo-Comportamentali, incrementano il livello di efficacia.

Il mio modo di lavorare

Ciò che avviene durante il mio intervento, condiviso e concordato con tutti i soggetti coinvolti, prevede sempre una valutazione del funzionamento personologico, poiché, sono le dimensioni psicologiche a rivestire un ruolo chiave nella struttura psichica dell’uomo.

L’uomo è individuo pienamente responsabile del proprio operato, mosso da forze interne volte al raggiungimento di un «bene» che soggettivamente, consapevole o meno, ha scelto per sé.

La Psicologia, in quanto Disciplina Scientifica, offre Teorie, Modelli e Metodologie tali, da considerare le Persone nel loro Essere Mente-Corpo, promuovendone il Benessere Collettivo e Individuale.

La raccolta dei dati per un’Anamnesi, sarà svolta sia per un trattamento individuale clinico sia per un intervento Aziendale, al fine di giungere ad una diagnosi/individuazione del problema,  che  consenta di intervenire in maniera diretta, efficace e duratura.

L’impianto Teorico di riferimento è il Modello Cognitivo Comportamentale e gli strumenti di cui mi avvalgo sono:

Il colloquio clinico, in quanto tecnica di osservazione e di studio del comportamento umano il cui scopo è   sia quello di raccogliere  informazioni, che quello di motivare ed informare il soggetto coinvolto, al fine di attuare un determinato cambiamento.

Strumenti psicometrici per una valutazione oggettiva e standardizzata del costrutto/disturbo che si intende misurare o valutare sia nei gruppi che nei singoli. : MMPI-2, HAM-A, HDRS, Big Five Questionnaire, 16pf, MMSE, AAT, BADA, MMSE, Test di Spinnler e Tognoni, Interviste Strutturate e Semi-Strutturate. 

Training, Psicoeducazione, Ristrutturazione Cognitiva, Role Playing,  Modeling, Shaping, Desensibilizzazione Sistematica, Analisi Funzionale, Rilassamento di Jacobson, Training Autogeno, sono solo alcune delle tecniche utilizzate nel corso del trattamento.

A volte bastano pochi incontri per superare ostacoli che minano il benessere personale e relazionale, giacché in breve tempo la persona può imparare nuove modalità per individuare la strada da percorrere in un dato momento della  vita.

Intervento Psicologico Aziendale

Intervento strutturale sulle cause organizzative che possono generare stress e disagio.

Cambiamenti radicali nel Work Design.

Le tipologie di intervento includono programma di gestione del cambiamento su  ruoli e responsabilità organizzative; interventi ergonomici, riprogettazioni di processi e attività critiche che possono generare stress. Istituzione di un consultorio interno quali Contact People e Clearing Post.